ECMO: strumento per l’espianto di organi a cuore fermo

ECMO: un’apparecchiatura che supporta il prelievo di organi e tessuti dopo che il cuore ha smesso di battere è la donazione presentata nella sede della Struttura di Anestesia e Rianimazione dell’Arcispedale Santa Maria Nuova.

Cardiohelp di Getinge è un sistema tecnologicamente avanzato per l’ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO – Extra Corporeal Membrane Oxygenation). Grazie a un sofisticato meccanismo di pompaggio, infatti, supplisce all’immobilità del cuore, mantenendo attiva la circolazione sanguigna e l’ossigenazione ottimale di organi quali fegato, reni e polmoni che divengono, quindi, prelevabili.

Il progetto di raccolta fondi, che ha coperto il costo dell’apparecchiatura, pari a 140.000 euro, è stato promosso da Grade e Associazione Lodini per la ricerca in chirurgia e ha potuto contare sul concreto sostegno di Fondazione Manodori, Interpump Group, Fondazione Gruppo Ceramiche IRIS, AIDO, Avis Rubiera.

Il sistema Cardiohelp contribuirà ad aumentare il numero dei prelievi e, di conseguenza, quello dei trapianti d’organo e di tessuto, con positivo impatto sulle liste d’attesa.
In Emilia Romagna si è assistito negli ultimi anni, grazie alla ECMO, a un aumento del 20% delle donazioni. A Reggio Emilia quest’attività è iniziata nel 2019, in virtù della collaborazione con altri centri ospedalieri dotati della tecnologia per ECMO e delle rispettive equipe, inizialmente Parma, poi Cesena, con il coordinamento del Centro Regionale Trapianti dell’Emilia Romagna.

L’apparecchiatura è utilizzata da personale appositamente formato, in particolare medici rianimatori e tecnici della Fisiopatologia cardiocircolatoria e Perfusione cardiovascolare.

L’esperienza maturata in questi anni ha portato a 11 donazioni a cuore fermo eseguite dai professionisti medici, infermieri e perfusionisti dell’azienda sanitaria reggiana, che hanno consolidato competenze adeguate all’utilizzo autonomo di una tecnologia tanto complessa, ai fini dei prelievi d’organo, arrivando a dare un contributo significativo alla riduzione dell’attesa dei pazienti ai quali un trapianto può salvare la vita..

L’attività di donazione organi nel 2021
Nonostante il lungo periodo pandemico dovuto al Covid 19 abbia messo a dura prova l’organizzazione del lavoro nelle Terapie Intensive italiane, nell’anno 2021 l’attività donativa sviluppata all’Arcispedale Santa Maria Nuova ha rispettato gli obiettivi indicati dal Centro Regionale Trapianti dell’Emilia Romagna.

Sotto la responsabilità della dott.ssa Elisa Becchi e il coordinamento infermieristico di Alessandro Grandi, l’Ufficio Donazione Organi e Tessuti del Santa Maria Nuova ha svolto un ruolo fondamentale nell’individuazione dei donatori, riuscendo a preservare l’operatività quotidiana senza risentire delle modifiche organizzative che hanno interessato altri settori.
È stata questa stabilità a permettere il raggiungimento degli obiettivi assegnati e lo sviluppo di un’importante attività formativa, fondamentale per il perfezionamento del percorso donativo dell’azienda sanitaria reggiana.

Nello specifico, sono stati svolti i seguenti:
• prelievi a cuore fermo: 4 in collaborazione con l’ECMO team di Cesena;
• donazioni multiorgano: 24 osservazioni di morte encefalica, 18 donatori effettivi;
• donazioni multitessuto: 3;
• prelievi di cornee: 114.

Sempre nel 2021, l’Ufficio Donazioni ha collaborato con la Struttura di Anestesia e Rianimazione dell’Ospedale di Guastalla in diverse attività donative:
• un’osservazione di morte encefalica con donazione multiorgano;
• una donazione multitessuto;
• una donazione a cuore fermo in collaborazione con l’ECMO team di Cesena.